Funzione Menu

categorie

il tono della pelle

acconciatura

Genere

Sentimento

Versione

Con il rapido sviluppo della tecnologia mobile, le emoji sono già diventate indispensabili e lingua internazionale delle nostre attività di comunicazione in Internet.

Tuttavia, hai mai pensato che le emoji siano protette da copyright? Se la risposta è sì, chi possiede le emoji?

Cos'è Emoji?

L'emoji non è un'immagine, ma un pittogramma, una specie di personaggio. "Emoji" deriva da questa parola giapponese:絵 文字[emodʑi] , 絵 [e] significa immagine, pittura e 文字 [modʑi] significa personaggio. L'emoji del telefono cellulare è stato progettato nel 1999 dall'ingegnere Kurita Hontaka (栗 田 穣 崇) che ha lavorato per NTT Docomo, un operatore di telefonia mobile predominante in Giappone. La prima versione di emoji Include 176 simboli come cuore, telefono cellulare, faccina sorridente, ecc. Una volta lanciati questi emoji, sono stati cercati dopo dalla giovane generazione del Giappone, dopo di che, questi simpatici simboli possono essere visti spesso nella chat online stanze virtuali o messaggi MSN in quel momento.

Quindi fondamentalmente "Emoji" è un termine generico, all'interno del termine generico "EMOJI" ce ne sono molti tipi diversi di emoji come emoji a colori Noto, Memoji, Twemoji, ecc.

Le emoji hanno il copyright?

Quando Unicode Consortium decide di rilasciare una nuova emoji, i fornitori che ricevono la notizia inizieranno a progettare l'aspetto di questa emoji da sola, come l'emoji di Apple, l'emoji a colori Noto di Google, Twitter Twemoji e le emoji di altre piattaforme sociali, ecc. Questo è il motivo per cui le emoji hanno un aspetto diverso su ciascuna piattaforma.

🔺: Emoji [gatto] di diversi fornitori

La questione del copyright sulle emoji non è così complicata. Per dirla semplicemente, ad eccezione di quelli open source emoji, essenzialmente il copyright appartiene al venditore che ha progettato questo set di emoji.

Ad esempio, l'emoji di Apple con cui abbiamo più familiarità. Se vuoi usare le loro emoji per fare delle tazze per vendere, poiché le emoji di Apple non sono open source, devi consultare l'ufficio legale di Apple per richiedere l'autorizzazione per le emoji e così via.

E se volessi usare le emoji in commercio?

Ora sapevi già che alcuni set di emoji non sono disponibili in commercio (o è davvero difficile ottenere la licenza), ma non preoccuparti, possiamo offrirti 2 diverse soluzioni.

  • Trova un set di emoji open source, leggi attentamente i regolamenti dettagliati dell'accordo, consulta il loro rispettivi termini di licenza o consultare il produttore per ottenere l'autorizzazione. Quello che segue è un elenco di noti produttori di emoji gratuiti o open source, ma il loro ambito di utilizzo e requisiti lo sono diverso (solo per uso online, stampa, commerciale, ecc.), fare attenzione a distinguere.
  • Puoi anche creare un set di emoji da solo, questo è il modo migliore per usare emoji totalmente legale gratuito. Tuttavia, assicurati che questo set di emoji non sembri già esistente, altrimenti potresti metterti nei guai.

  • Nota💡: questo post del blog è solo un'informazione generale, non un consiglio legale. Emojiall non può fornirne consulenza legale a qualsiasi utente online. La nostra risposta alle vostre domande correlate è solo di riferimento, per favore consultare il produttore corrispondente per la risposta esatta.